Oggi vogliamo parlarvi di un alimento prezioso che non manca mai nella dispensa dell’amante del fitness: il riso.
Ma perché il riso è un elemento della dieta così importante?

L’amido del riso ha un potere saziante maggiore di quello della pasta. In poche parole, mentre si parla di un bel piatto di pasta quando si va sui 120-150 grammi (in media), con il riso non si va oltre gli 80-100 grammi. Di conseguenza le calorie totali di un piatto di riso diventano molte meno; inoltre il riso non contiene glutine, spesso responsabile di gonfiori e digestioni lente. Le migliori varietà di riso per gli amanti del fitness sono:

  • RISO BASMATI
  • RISO INTEGRALE

Riso bianco o integrale?
Il riso integrale, col suo sapore che ricorda la nocciola, e la consistenza un po’ tenace che richiede una masticazione prolungata, da un piacevole senso di sazietà.
Non è diverso rispetto ai soliti Carnaroli, Arborio, Roma o altri tipi di riso usati comunemente per risotti o minestre; è soltanto meno decorticato: si ottiene attraverso una fase di lavorazione, la sbramatura, che toglie solo la buccia più esterna (detta “lolla”). Al riso bianco, invece, viene tolta anche la crusca aderente al chicco, privandolo quasi del tutto di grassi, minerali, fibre e vitamine.
La variante integrale è quindi molto più completa dal punto di vista nutrizionale e la sua crusca è un prezioso alleato contro la stitichezza, oltre a rallentare l’assorbimento dei carboidrati, evitando così il picco glicemico. È un tipo di riso che rilascia poco amido, quindi non è adatto alla preparazione dei risotti; meglio consumarlo bollito.
Anche il riso basmati è molto apprezzato per le sue proprietà nutritive. Ha un sapore deciso e conferisce al pasto un elevato grado di sazietà (bastano 50 grammi di riso basmati per ottenere una porzione consistente, in grado di donare sazietà apportando solo 170 calorie). Il basmati si considera il re del riso, capace di nutrire i tessuti del corpo senza appesantirlo.

Come utilizzarlo?
Se preferiamo un piatto caldo, possiamo mettere in una padella larga e antiaderente zucchine, carote, piselli, cimette di broccolo e qualche pezzetto di petto di pollo. A cottura ultimata andranno aggiunti il riso e un cucchiaio di salsa di soia, rigirando per far scaldare e insaporire. Un’altra variante molto appetitosa prevede macinato di pollo e tacchino sbriciolato e ben cotto, funghi e fagiolini trifolati con aglio e prezzemolo.
Vi consigliamo di tenere in freezer dei sacchetti con queste verdure già pronte da mettere in padella, tagliate a striscioline, e altri sacchetti con della carne preparata allo stesso modo; così avrete sempre a portata di mano quello che vi serve. I più organizzati forse cuoceranno il riso la sera prima mentre sistemano la cucina.

E se abbiamo voglia di dolce?

Muffin di riso e banana

INGREDIENTI

  • Riso
  • Buccia di limone
  • Uovo
  • Banana matura
  • Miele
  • Farina di avena aromatizzata
  • Cannella
  • Uvetta ammollata

Preparazione
In una caraffa graduata mettiamo 300 ml di riso già cotto e raffreddato, aggiungiamo una banana molto matura, la buccia grattugiata di un limone, un cucchiaio colmo di miele e uno di farina di avena aromatizzata (disponibile sul nostro sito), un uovo intero e un pizzico di cannella. Frulliamo con il mixer a immersione per un minuto, aggiungiamo una manciata di uvetta ammollata, poi versiamo il composto in piccoli stampini da muffin ben unti con olio a spray (disponibile sul nostro sito), altrimenti i dolci si attaccheranno.
Mettiamo in forno per 30-40 minuti a 180 °C o comunque finché non avranno un aspetto compatto. Facciamoli raffreddare prima di toglierli dallo stampino.